About us

Primo approccio al cajon

Ovi Solution nasce nel 2006 quando il batterista-percussionista italiano Ovidio Venturoso, per motivi professionali, acquista un cajon e comincia a studiarlo e suonarlo.

Affascinato dalla notevole praticità di utilizzo non solo per i generi tradizionali della musica peruviana e Flamenco, ma anche per molti altri stili, decide di approfondire ed affinare la tecnica dello strumento per poterlo utilizzare durante i suoi concerti.

Durante gli incontri con i percussionisti veterani dello strumento si rende conto che non esiste una sola tecnica per suonare il cajon ma diverse scuole di pensiero per cui decide di unire le conoscenze di molti per sintetizzare un proprio metodo.

Avendo un background da batterista applica al cajon la stessa didattica del rullante che va dai rudimenti di base agli sticking moderni riadattando la tecnica di percussione dalle bacchette alle mani.

L’uso degli arti inferiori sul cajon

 

Arriva l’esigenza, da batterista, di cominciare ad aggiungere i due arti inferiori che possono completare il discorso della coordinazione a 360 gradi. Dopo aver utilizzato un normale charleston da batteria abbinato al cajon si ritrova a risolvere un problema che ancora nessuno si era posto:

Un pedale per cajon

 

Dopo ore e giorni di progettazione e varie prove impiegate ad usare accessori per batteria già esistenti con aggiunte e varie modifiche funzionali degli stessi nasce il primo prototipo funzionante di pedale e deposita il brevetto.

Nel 2007 nasce il primo pedale per cajon al mondo.

 

Dopo averlo utilizzato in varie sessioni in studio e live si rende conto che il cajon è uno strumento che da solo può sostituire una batteria acustica in diverse situazioni musicali. Comincia a suonare vari generi e a ricevere apprezzamenti per l’invenzione del pedale da diversi musicisti di fama mondiale.

Il problema della postura

 

Le ore di studio e di lavoro seduto sul cajon cominciano a dare i primi problemi alla schiena dovuti alla postura difficile da mantenere in maniera corretta. Cominciano gli studi sulla biomedica, meccanica del movimento e posturologia.

Consultando vari medici e specialisti del settore fisioterapico si rende conto che il cajon a lungo andare rischia di arrecare dei seri danni alla colonna vertebrale. Non a caso molti percussionisti usano spesso inclinarsi sullo spigolo posteriore e suonare in equilibrio, contraendo i muscoli del dorso e delle gambe che non rendono fluidi i movimenti e a lungo andare possono generare problemi di varia importanza.

Comincia lo studio di un sistema meccanico per mantenere fissa l’inclinazione del cajon.

 

Dopo svariati prototipi ed accorgimenti , necessari per poter utilizzare un sostegno universale che potesse ospitare diverse misure di cajon, si giunge alla soluzione finale.

Non sono pochi i tecnici, ingegneri, designer industriali, medici e musicisti che hanno contribuito con le loro idee e soluzioni ad accelerare il processo di progettazione e prototipazione che doveva rispondere a requisiti ben precisi dal punto di vista strutturale, estetico e medico.

Nasce “Throne”

 

È l’anno 2009 quando nasce il primo prototipo di sostegno per cajon che viene battezzato col nome di “Throne”.

Throne è il trono del percussionista che valorizza il proprio strumento ed il proprio ruolo salvaguardando allo stesso tempo aspetti medici e fisici che prima non erano ancora stati presi in considerazione. Il secondo brevetto è depositato.

Il cajon drumset system

 

Da quì il passo è breve all’unire le due idee ed applicare al Throne anche il pedale per cajon.

Nasce il cajon drumset system che comprende il Throne ed il pedale con un sistema di montaggio velocissimo.

Vantaggi del nuovo sistema

 

Oggi il percussionista o batterista può usufruire di un sistema che gli permette di utilizzare il cajon in modo corretto dal punto di vista posturale e soprattutto inserirlo all’interno di un set da personalizzare. I percussionisti possono utilizzare altri tamburi etnici all’interno di un setup mentre i batteristi sono più propensi ad aggiungere un charleston ed avere così un mini-set di batteria che possono poi completare associando un rullante o altri strumenti del drumset, senza la cassa ovviamente perché sostituita dal pedale per cajon.

L’estetica è stata curata nei minimi particolari per lasciare invariata la natura ed il fascino dello strumento che non subendo nessuna modifica strutturale rimane assolutamente invariato.

Ovi Solution

 

Nel 2011 nasce  OVI SOLUTION PERCUSSION RESEARCH & DEVELOPMENT che studia continuamente sistemi innovativi per utilizzare il cajon in maniera pratica come strumento unico o all’interno di un drumset.

La Ovi Solution dal 2011 produce artigianalmente i propri prodotti Thrones e customizzazioni sui pedali per cajon.